Usa-soccer-team

Stati Uniti – Fuxia Night

Durante la partita inaugurale dei mondiali di Usa 94 mi chiesi più volte se non ci fosse un errore enorme.

Gli Stati Uniti che giocavano a calcio?

Qualcosa non quadrava.

Al massimo, avrei potuto tollerare la presenza del Giappone, con la solidissima quanto secolare cultura calcistica narrata dalle nobili gesta di Holly & Benji.

Perché pare che in Giappone sia arrivata prima la marcatura a zona, poi il sushi.

Ma di sicuro gli Stati Uniti no.

Agli americani dai due canestri e sono felici così. Al limite una pallina, un guantone, una mazza di legno e delle regole su cui anche Scotland Yard non ha ancora fatto chiarezza.

Ma il calcio no. Quello è sacro.

A questo punto organizziamoli in Groenlandia i prossimi mondiali!

petulai, come solo un dodicenne alle prese coi primi peli ascellari sapeva fare.

Del resto, cosa poteva desiderare l’animo non ancora disilluso di un pargolo appassionato di calcio, se non organizzare la Coppa del Mondo in un paese con una tradizione calcistica quantomeno tiepida?

Eppure, il peggio sarebbe ancora dovuto venire, e quello stesso pargolo, se oggi fosse informato dei mondiali di Qatar 2022, lo si vedrebbe protagonista di un raro fenomeno di autocombustione.

Lalas-usa-94

Da quel Mondiale in avanti, la Nazionale degli Stati Uniti – nonostante la grama eliminazione al primo turno – finì con l’entrare nel database calcistico della mia mente, grazie soprattutto alla seconda maglia DAPA-URA e al tesseramento da parte del Padova, del fulvo e pittoresco Alexi Lalas.

Per gli Yanks una maglia da trasferta esplosiva: 2 tonalità di blu oltremare con dettagli fucsia, logo monocromatico e font con le palle quadrate.

Fuchsia and stripes forever!

Usa-Bradley-Dempsey
Usa-soccer-18

Cosa ne pensi della proposta di Pineal per la Nazionale degli Stati Uniti?

Alla prossima! 😉

Sono sicuro che ti piacerà…

San-Andreas-Soccer-Edition
Ritorno-al-futuro
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *