Retro-Paradise-1

Rétro Paradise (Parte 1)

Come sarebbero al giorno d’oggi le maglie che hanno segnato la storia del calcio italiano?

Il cuore di un nostalgico è difficile da legare, e la fantasia tira fuori dal cilindro il meglio di sé,

Pineal Calcio inaugura lo speciale Rétro Paradise rivisitando i kit delle squadre che hanno scritto le pagine del calcio italiano.

La schiena si allaga di brividi.

La Juventus di Platini, l’Inter dello scudetto 1989 e il Verona dello storico scudetto 1986.

AVANTI KLEENEX.

JUVENTUS

È la Juventus di Platini.

3 palloni d’oro, titoli di capocannoniere di Serie A e una quantità di trofei che un interista come me è meglio che non sappia.

Modello rétro, blue navy con dettagli bianconeri, sponsor Ariston, calzoncini giallo oro con dettagli neri. Zebra rampante in perfetto stile anni Ottanta.

L’abbiamo comprato per un tozzo di pane e lui ci ha messo sopra il foie gras – Gianni Agnelli

Juventus-Retro
Juventus
Juventus-Retro

INTER

Il biscione torna sul petto dei nerazzurri.

Sono gli anni dei 3 tedeschi d’oro e dello scudetto della stagione 1988/89.

Jürgen Klinsmann. Lothar Matthäus. Andreas Brehme.

Basta la parola.

Completo verde lattementa con dettagli nerazzurri, biscione monocromatico e lo storico sponsor Misura.

Inter-Retro
Inter
Inter-Retro

HELLAS VERONA

Anno Domini 1986.

Il Verona scrive la storia conquistando il primo scudetto.

La piccola città al cospetto delle grandi, timonata dal vichingo d’oro Elkjær Larsen, 

Una favola a cui ha diritto di sognare solo il Leicester dei miracoli e niente più. Un po’ come se il Catania vincesse la Copa Libertadores.

Completo blu, maglia a righe orizzontali tono su tono, logo monocromatico bordato e storico sponsor Canon.

HVerona-Retro
Verona Calcio
Verona-Retro

Che te ne pare di queste 3 maglie? Scopri la seconda parte, con le maglie di Milan, Napoli e Roma!

Hai qualche suggerimento per altre maglie?

Scrivi tutto qua sotto! 😉

Sono sicuro che ti piacerà…

Borussia-Dortmund
Manchester United
Ritorno-al-futuro
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *